1022 3840x480

Investor Relations

EQUITA in Borsa

EQUITA Euronext STAR Milan
EQUITA Euronext STAR Milan

EQUITA, banca d'affari indipendente italiana, è quotata sul segmento STAR di Euronext Milan per il tramite della capogruppo EQUITA Group S.p.A. (EQUI, codice ISIN: IT0005312027).

Dopo essere stata ammessa nel novembre 2017 su Euronext Growth Milan (già AIM Italia), infatti, il management del Gruppo ha deciso di passare nell’ottobre 2018 al mercato regolamentato quotandosi sul listino principale con la qualifica di Società STAR, così come promesso ai suoi investitori durante l’ammissione al mercato dedicato alle PMI dinamiche ad alta crescita.

Dal 2017, dunque, all’obiettivo di EQUITA di assistere al meglio i propri clienti – che siano investitori istituzionali, società quotate, imprenditori, famiglie o istituzioni – si aggiunge l’obiettivo di creare valore per i propri azionisti.

Ultimi risultati


Primi nove mesi
(dati al 30 settembre 2023)

59.5

Ricavi Netti
consolidati

10.3

Utile Netto
Consolidato Adjusted

22

Return on Tangible Equity (ROTE)

Milano, 9 novembre 2023 - Il Consiglio di Amministrazione di EQUITA Group S.p.A. ha approvato in data odierna i risultati finanziari consolidati al 30 settembre 2023.

Andrea Vismara, Amministratore Delegato di EQUITA, ha commentato: “I dati dei primi nove mesi del 2023 confermano la capacità di EQUITA di saper reagire positivamente anche in contesti di mercato particolarmente sfidanti. I ricavi del terzo trimestre, per esempio, sono risultati in crescita e il mese di ottobre e i primi giorni di novembre hanno visto un numero importante di mandati, sia sul fronte dell’M&A che sul fronte dell’Equity e del Debt Capital Markets, con un contributo significativo alla crescita dell’Utile Netto.”

“La remunerazione dei nostri azionisti resta la priorità. In considerazione dei risultati ottenuti sino ad oggi, delle attese per i prossimi mesi e degli utili non distribuiti in questi anni per dare stabilità al dividendo, riteniamo appropriato considerare un dividendo di €0,35 per azione – in linea con l’anno precedente – e confermare la distribuzione di più di €50 milioni di dividendi nel triennio ‘22-‘24”.

“Questi mesi sono stati importanti per aggiungere nuovi tasselli al nostro modello di business e rafforzare ulteriormente il posizionamento di EQUITA come principale banca d’affari indipendente in Italia. L’ingresso nella partnership di figure come Stefano Donnarumma e Silvia Rovere – che si aggiungono a tutti gli altri componenti dell’advisory board che già da tempo ci affiancano – ci aiuterà ad accelerare l’ambizioso progetto di crescita che abbiamo definito per i prossimi anni.”

“Nonostante l’incertezza sui mercati e il difficile contesto macro che stiamo vivendo, le aspettative per il futuro sono cautamente positive, grazie al contributo che arriverà dagli investimenti fatti in questi anni per rafforzare il team EQUITA e diversificare il modello di business, in aggiunta alle iniziative regolamentari e di sistema che dovrebbero dare una spinta significativa al mercato dei capitali italiano.”

 

Vai al comunicato stampa

EQUITA 2024 (business plan 2022-2024)

Nel triennio 2022-2024 l’obiettivo del Gruppo è quello di rafforzare il posizionamento di principale investment bank indipendente italiana e di focalizzarsi sullo sviluppo delle attività di Alternative Asset Management per consolidare il proprio ruolo di gestore multi-asset specializzato su prodotti illiquidi proprietari.

Tale percorso vedrà una combinazione di crescita organica e per linee esterne, prediligendo opportunità di M&A accretive ed operazioni che permettano di coinvolgere nella compagine azionaria partner e famiglie vicine al mondo EQUITA e in grado di contribuire accelerando la crescita.

Il management intende inoltre continuare con il suo approccio disciplinato sui costi che da sempre contraddistingue l’investment case di EQUITA, con il fine di promuovere un’elevata redditività e premiare gli azionisti con dividendi e creazione di valore.

Particolare attenzione, infine, verrà posta all’integrazione della sostenibilità nel modello di business del Gruppo, a beneficio di tutti gli stakeholder coinvolti, dai clienti agli investitori, fino alla comunità finanziaria e non.

Generazione di Ricavi

Piano EQUITA 2024 - Revenues

Ricavi Netti superiori a €110 milioni al 2024 (CAGR 2021-2024 +6,8% circa), da raggiungere organicamente e/o mediante acquisizioni e operazioni di apertura del capitale a nuovi partner in grado di accelerare il raggiungimento degli obiettivi

Piano EQUITA 2024 - Diversification

Composizione dei ricavi al 2024 maggiormente diversificata, con Global Markets tra 35% e 40%, Investment Banking tra 40% e 45% e Alternative Asset Management tra 15% e 20%

Piano EQUITA 2024 - Costs

Cost/Income ratio in linea con il 2021 e comunque inferiore al 70%

Piano EQUITA 2024 - Net Profits

Utile Netto pari ad almeno €25 milioni al 2024, escluse eventuali voci non ricorrenti e con un risultato pre-tasse in crescita del 9% dopo aver normalizzato il tax rate

Piano EQUITA 2024 - Remuneration

€50+ milioni di dividendi distribuiti nel triennio 2022-2024 (vs €43 milioni distribuiti nel triennio 2019-2021), con un dividendo annuale medio per azione superiore a €0,30

Payout ratio di circa il 90%, con la possibilità di aumentarlo in caso di necessità grazie a significative riserve accantonate negli anni

Piano EQUITA 2024 - Sustainability

Promozione del benessere dei dipendenti

Accrescimento della soddisfazione dei clienti e della comunità finanziaria

Promozione dello sviluppo sociale ed economico della comunità

Iniziative contro il cambiamento climatico (Climate Action)

Promozione dei giovani (Young 4 Future)

Piano EQUITA 2024 - Revenues

Generazione di Ricavi

Ricavi Netti superiori a €110 milioni al 2024 (CAGR 2021-2024 +6,8% circa), da raggiungere organicamente e/o mediante acquisizioni e operazioni di apertura del capitale a nuovi partner in grado di accelerare il raggiungimento degli obiettivi

Piano EQUITA 2024 - Diversification

Diversificazione del Business

Composizione dei ricavi al 2024 maggiormente diversificata, con Global Markets tra 35% e 40%, Investment Banking tra 40% e 45% e Alternative Asset Management tra 15% e 20%

Piano EQUITA 2024 - Costs

Disciplina sui Costi

Cost/Income ratio in linea con il 2021 e comunque inferiore al 70%

Piano EQUITA 2024 - Net Profits

Redditività significativa

Utile Netto pari ad almeno €25 milioni al 2024, escluse eventuali voci non ricorrenti e con un risultato pre-tasse in crescita del 9% dopo aver normalizzato il tax rate

Piano EQUITA 2024 - Remuneration

Remunerazione Premiante per gli Azionisti

€50+ milioni di dividendi distribuiti nel triennio 2022-2024 (vs €43 milioni distribuiti nel triennio 2019-2021), con un dividendo annuale medio per azione superiore a €0,30

Payout ratio di circa il 90%, con la possibilità di aumentarlo in caso di necessità grazie a significative riserve accantonate negli anni

Piano EQUITA 2024 - Sustainability

Integrazione della sostenibilità nel business

Promozione del benessere dei dipendenti

Accrescimento della soddisfazione dei clienti e della comunità finanziaria

Promozione dello sviluppo sociale ed economico della comunità

Iniziative contro il cambiamento climatico (Climate Action)

Promozione dei giovani (Young 4 Future)

Nota: il business plan annunciato da EQUITA al 2024 è basato sulle aspettative del management e ipotizza un contesto di mercato relativamente stabile nell’arco di piano. Per scoprire di più sul piano triennale e sugli obiettivi, scarica il comunicato stampa del 17 marzo 2022 e la presentazione per gli investitori.

Investment Case

Equita IPO
Equita IPO

EQUITA è la principale investment bank indipendente italiana e il punto di riferimento per investitori, società quotate, imprese e istituzioni finanziarie.

Negli anni il Gruppo ha diversificato significativamente i propri ricavi, crescendo in tutte le aree di business, in particolare nelle aree dell’Investment Banking e più recentemente dell’Alternative Asset Management. Tale diversificazione ha permesso a EQUITA di beneficiare di una performance sempre più resiliente e di confermare nel tempo la propria capacità di generare utili in maniera consistente.

 

L’investment case di EQUITA in 10 semplici punti.

 

  1. Leadership sul mercato italiano
  2. Modello di business unico
  3. Diversificazione dei ricavi e resilienza
  4. Business complementari e opportunità di cross-selling
  5. Struttura dei costi flessibile
  6. Leva operativa e alta profittabilità
  7. Forte generazione di cassa e dividendi premianti
  8. Interessi allineati con gli investitori
  9. Track-record di successo
  10. Integrazione della sostenibilità nel business

1. Leadership sul mercato italiano

Leader nell’intermediazione di strumenti finanziari in conto terzi e nella ricerca su emittenti quotate. Tra i top 10 M&A advisor per numero di operazioni chiuse con successo e tra le prime banche d’affari in Italia per numero di operazioni di Equity Capital Markets e Debt Capital Markets

 

2. Modello di business unico

Modello di business unico in Italia e difficile da replicare, che permette di combinare totale indipendenza (no attività creditizie, azionisti di controllo o posizioni azionarie in altre società), accesso ai mercati dei capitali e una offerta completa di investment banking. Equita si differenzia così dai grandi gruppi di consulenza (indipendenti ma senza accesso al mercato) e dalle banche d’affari globali (con accesso al mercato ma non indipendenti)

 

3. Diversificazione dei ricavi e resilienza

Business mix diversificato grazie a componenti di ricavo meno correlate al ciclo economico e meno dipendenti dall'andamento dei mercati finanziari, che offrono dunque maggiore resilienza ai risultati.

 

4. Business complementari e opportunità di cross-selling

Aree di business fortemente complementari tra loro, che rendono Equita il partner ideale per una soluzione unica alle diverse esigenze dei clienti, e che dunque generano interessanti opportunità di cross-selling sulla stessa base clienti

 

5. Struttura dei costi flessibile

Capacità di mantenere un livello di profittabilità adeguato grazie a una struttura dei costi prevalentemente variabile (Compensation-to-Revenues ratio tra il 45% e il 50%) e un approccio fortemente disciplinato sui costi.

 

6. Leva operativa e alta profittabilità

Considerevoli opportunità di crescita nelle aree dell’Investment Banking e dell’Alternative Asset Management, che beneficiano di maggiore leva operativa e dunque maggiore profittabilità

 

7. Forte generazione di cassa e dividendi premianti

Focus su attività a basso assorbimento di capitale che permettono di generare importanti flussi di cassa a servizio di investimenti in innovazione e distribuzione di dividendi agli azionisti

 

8. Interessi allineati con gli investitori

Management e dipendenti guidati da uno spirito imprenditoriale e investiti nel capitale azionario con un’ottica di lungo periodo. Management fortemente committed e soggetto ad accordi di lock-up sulle azioni detenute e meccanismi di incentivazione basati sulla creazione di valore per gli azionisti per tutti i professionisti del Gruppo.

 

9. Track-record di successo

Solido track-record nella execution di nuove iniziative (diversificazione dell’offerta di investment banking, strutturazione di un desk fixed income, crescita nel private debt…), nell’integrazione delle società acquisite (Retail-Hub, EQUITA K Finance) e nel raggiungimento di obiettivi finanziari (Business Plan 2020-2022 annunciato a novembre 2019 e raggiunto un anno in anticipo).

 

10. Integrazione della sostenibilità nel business

Forte attenzione alla sostenibilità del business nel lungo periodo e continui investimenti nella formazione ed incentivazione dei professionisti EQUITA. Diverse iniziative pensate per promuovere la formazione dei giovani studenti, l’educazione finanziaria e la cultura in generale

DIVIDENDI

EQUITA vanta un modello di business che investe in iniziative a basso assorbimento di capitale (capital light initiatives). Questo permette di impiegare gli utili generati dal Gruppo per remunerare adeguatamente gli azionisti, finanziare operazioni di M&A ed investire in iniziative di crescita organica, mantenendo al contempo una forte solidità finanziaria, così come dimostrato, anno dopo anno, dai ratio patrimoniali ampiamente al di sopra dei requisiti minimi prudenziali.

Storicamente EQUITA ha sempre distribuito il 100% degli utili ai propri azionisti ma dal 2017, anno di ammissione all’AIM Italia (oggi Euronext Growth Milan), seguita dal passaggio al segmento STAR nel 2018, il management ha deciso di accantonare annualmente una parte degli utili in ottica prudenziale, con l'obiettivo di offrire una maggiore stabilità ai dividendi in caso di necessità e disporre di eventuali risorse aggiuntive per operazioni di finanza straordinaria ad alto valore aggiunto.

Coverage del titolo

Il titolo EQUITA è oggi seguito dagli analisti di Intesa Sanpaolo e di Kepler Cheuvreux. Le ricerche sono liberamente accessibili agli investitori. Visita la pagina dedicata al Coverage per scoprire di più.

Vai a "Copertura del Titolo"